Tigelle

La tigella è una piccola focaccina di forma circolare tipica della zona appenninica emiliana, in particolar modo tra le province di Bologna e Modena, dove viene mangiata ripiena di salumi e/o formaggi.

Origine delle tigelle emiliane

Tigella

Le tigelle derivano molto probabilmente dal modo di cuocere le focacce in epoca romana all’interno di contenitori di terracotta (in latino il verbo “tegere” significa ricoprire). Lungo tutto l’Appennino modenese e bolognese da secoli si ha l’usanza di prelevare l’argilla scavando nei boschi di castagni, di lavorarla amalgamandola con terra e acqua formando dei piccoli dischi (10-15 cm di diametro) e infine di cuocerla sotto la cenere ardente. Questi dischi venivano chiamati tigelle e spesso erano decorati in bassorilievo con motivi quali stelle, cerchi, punte ecc.. Al loro interno veniva riposto l’impasto delle tigelle avvolto in foglie di castagno e poi cotto vicino al focolare, sotto la cenere.

Classicamente in Emilia vengono abbinate al classico pesto montanaro  un condimento crudo a base di lardo di maiale e aromi usato principalmente per riempire le tigelle, viene ottenuto amalgamando il lardo crudo con il rosmarino e l’aglio tritati finemente e poi pestato a lungo fino a creare una salsa densa e spalmabile, che si spalma sulla tigella e si finisce cospargendo con Parmigiano-Reggiano grattugiato.

INGREDIENTI per 4 persone (circa 24 tigelle)

  • 500 g di farina 00
  • 200 g di acqua tiepida
  • 100 g di latte
  • 35 g di strutto oppure olio extravergine di oliva
  • 12 g di lievito di birra
  • 10 g di sale (a seconda dei gusti)

PREPARAZIONE

Setacciare la farina, fare la tipica fontana nel mezzo mettere il lievito sciolto in poca acqua tiepida, unire olio, sale, latte e l’acqua rimasta. Lavorare l’impasto per qualche minuto poi coprire con un panno umido e lasciare lievitare circa un’ora in un ambiante non freddo. Lavorare ancora la pasta poi fare lievitare un’altra mezz’ora.

Stendere la sfoglia con uno spessore di circa cinque mm poi ritagliare dei cerci di circa 6 cm e lasciarli lievitare un’altra mezz’ora.

Riscaldare su entrambi i lati il tigelliere e cuocervi le tigelle per 2 o 3 minuti si entrami i lati.

Vanno mangiate ancora calde e imbottite con salumi o formaggi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.