Costata di maiale in crosta

Ingredienti

  • costata di maiale,
  • pasta di pane,
  • patate,
  • paprika dolce,
  • rosmarino,
  • sale,
  • olio,
  • pepe

Condiamo la costata di maiale con pepe macinato, il sale grosso ed un generoso filo d’olio. Massaggiamo la carne, su entrambi i lati, che devono essere conditi in egual modo. Copriamo con una generosa spolverata di paprika dolce. Copriamo e lasciamo riposare 24 ore in frigorifero.

Stendiamo l’impasto della pizza ben lievitato. Dobbiamo ottenere un rettangolo, che posizioniamo in una teglia coperta con carta forno. Posizioniamo al centro il maiale e qualche patata a pezzettoni. Copriamo con la pasta di pane, sigillando per bene.

Inforniamo a 180° per 1 ora ogni Kg di carne. Dopo la prima ora, abbassiamo a 160°.

IMG_1678.jpg

Annunci

Tagliatelle allo Schüttelbrot con finferli e salsiccia

NGREDIENTI

Tagliatelle

100 g di Schüttelbrot grattugiato finemente

200 g di farina

6 tuorli

80 ml di olio d’oliva

3 pizzichi di sale

un po’ di acqua

Sugo

2 salsicce

1 manciata di finferli

½ cipolla

1 spicchio di aglio

salvia q.b.

rosmarino q.b.

50 ml di vino rosso robusto

200 ml di panna

sale e pepe

burro q.b.

PREPARAZIONE

Unire tutti gli ingredienti per le tagliatelle in una terrina e impastare bene.  Avvolgere la pasta in una pellicola trasparente e lasciare riposare per almeno 30 minuti. Stendere la pasta e ricavarne poi delle tagliatelle larghe circa 1 cm.

Scaldare il burro in una padella e rosolarvi la cipolla e l’aglio. Unire le salsicce,  spezzettate, e rosolarle un poco. Sfumare con il vino rosso e lasciare ridurre. Aggiungere i finferli e le erbe aromatiche, cuocere per circa 15 minuti a fuoco basso. Quando la salsiccia è ben cotta, insaporire con sale e pepe. Cuocere le tagliatelle, scolarle e saltarle in padella con il sugo. Disporle su piatti e servire.

La dieta

Sono finite le feste o quasi e come ogni anno mi ritrovo con chili di troppo. Quest’anno poi la situazione è peggiorata dal fatto che ho smesso di fumare e non oso pesarmi.

Pesarmi mi mette di malumore sempre, se non sono calato è un misto di frustrazione e rabbia oltre a senso di impotenza, se sono calato malinconia per le cose a cui ho dovuto rinunciare.

Quindi ora dovrei scrivere qualche consiglio su come recuperare dopo i bagordi festivi.

Ma non sembrerebbe un’assurdità in un blog sul cibo e in particolare sulle tipicità regionali italiane?

Infatti non scriverò niente di questo, anzi non scriverà nulla è un argomento che mi deprime, sappiate solo che il sette Gennaio mattina mi peserò e sarò di cattivo umore, cercherò di ridurre le calorie a forza di rinunce e malinconia, sarò triste ma dedicherò tutto me stesso al raggiungimento nel 2019 del mio obbiettivo.

15 Kg da calare prima dell’estate.

Tutto questo durerà il tempo di quest’articolo, ora mi alzo vado in frigo, mi preparo un po’ di Ragusano mi taglio un po’ di Speck e apro una biretta di Baladin.

Sorrido felice alla vita.

BUON ANNO CHE VI CONCEDA SEMPRE DI FARE TUTTO QUELLO CHE VI RENDE FELICI

 

Cruccolo

Io credo che al Crucolo vado circa dagli anni ’90. Le prime volte erano feste serali a ballare sui tavoli e bere Parampampoli. Poi assieme ad alcuni colleghi è nata una tradizione:  la settimana prima di Natale di solito il Giovedì, mi potete trovare a pranzo seduto nel tavolo della saletta con il camino. Una giornata che ha di consuntivo e rilassamento dopo un anno di lavoro, in cui mi incontro con le persone che più stimo e con cui al di là della professione c’è un feeling personale speciale.

Il menù è lo stesso da sempre antipasti di salumi di produzione propria, salame cotto nell’aceto con uvetta (particolarmente atteso), la Mosa trentina. Come primi solitamente canederli, strozzapreti, minestra di funghi e pasta di fagioli. I secondi variano dallo stinco, al coniglio, delle bellissime grigliare cucinate nel camino a visto in cucina, crauti e cotechino. per finire dolci fatti in casa e gli immancabili parampampoli.

 

Noi prendiamo tutto e dividiamo devo dire che la giornata alla fine risulta pesantina.

Prima di andarsene un giretto in cantina dove viene offerto un assaggio della loro produzione di formaggi  e salumi e una bella grappetta.

L’arrivo a casa a qualsiasi ora sia prelude a un bel sonno ristoratore.

Prima però immancabile la sosta al presepe di Scurelle una vera opera d’arte a dimensione naturale davanti a cui è sempre un piacere fare l’ultimo selfie e abbracciarsi prima di salutarsi.

Al prossimo anno amici!!!Crucolo

Canederli allo speck

Ingredienti

  • 350 gr pane raffermo tagliato a dadini
  • 100 gr di speck (oppure pancetta)
  • 100 gr di salsiccia fresca
  • 1/2 cipolla tritata
  • 2 – 3 uova
  • 1/4 di latte
  • 2 cucchiai di farina
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato

 

Procedimento

Soffriggere la cipolla. Mettere in una ciotola il pane, lo speck a dadini, la salsiccia sbriciolata, la cipolla, il latte, le uova, il prezzemolo e noce moscata. Amalgamare il tutto e far riposare per circa 1 ora. Incorporare quindi la farina e formare i canederli, cuocerli in acqua salata a fuoco molto moderato per circa 15 minuti. Se i canederli risultano troppo molli aggiungere un po’ di farina, se sono troppo duri un po’ di latte.

Tortelli di Zucca

Per il ripieno :

  • 1 kg e mezzo di zucca
  • 150 g di amaretti
  • 100 g di mostarda senapata di pere cotogne
  • grana grattugiato
  • noce moscata, sale

Per la sfoglia :

  • 500 g di farina 00
  • 150 g di semolino
  • 6 uova fresche
  • 1 guscio d’uovo di latte

Per il condimento :

  • 3 pomodori perini maturi
  • 100 g di burro
  • 1 pugno di mandorle tostate, grana grattugiato

Tagliare la zucca a pezzi e infornare a 180°. Quando è cotta togliere la buccia, aggiungere alla polpa ottenuta il formaggio grana, gli amaretti pestati la mostarda, sale quanto basta, noce moscata. Mettere l’impasto a riposare tutta la notte. Tirare la sfoglia sottile e dopo aver messo il ripieno al centro dare la forma al tortello che più si preferisce. Per il condimento, in un soffritto di cipolla fare saltare i pomodori poi aggiungere burro fuso. Cuocere i tortelli in acqua salata scolarli ancora al dente e disporli in una ciotola con il condimento, spolverarli di il formaggio grana e le mandorle tritate. Mettere in forno caldo per cinque minuti poi servire.